Il linguaggio del corpo. Cosa si nasconde dietro ai gesti?

È molto comune pensare che i messaggi arrivino in base alle parole che utilizziamo. Senza svilire l’importanza delle parole e le conseguenze che queste possono avere, è molto importante riflettere su come vengono dette.

Stiamo parlando di “comportamento non verbale” o meglio ancora di “linguaggio del corpo”; mi riferisco quindi alla nostra postura, al tono, alla respirazione che abbiamo quando parliamo, alla posizione che assumiamo. Mi riferisco a come le emozioni traspirino e arrivino attraverso il corpo! Ci abbiamo mai riflettuto?

Partiamo dal presupposto che quando parliamo, soltanto i primi due movimenti fisici sono controllabili dal nostro cervello, perché poi ci focalizziamo sulle parole e quindi sarà il nostro inconscio a far muovere il nostro corpo. Ecco perché diventa un rivelatore di emozioni reali.

Per esempio, una persona che sorride soltanto con le labbra non è totalmente sincera rispetto ad una persona che userà tutto il viso e avrà persino le rughe agli angoli degli occhi.

Sconsiglio però vivamente di focalizzarsi sui dettagli in modo eccessivamente particolareggiato. Ciò che per noi è molto importante è la congruenza tra ciò che viene detto e come viene detto. Esprimere per esempio un sentimento d’amore importante, con una postura di chiusura, a braccia conserte e restando distanti, dovrebbe insospettirci. E ancora, incoraggiare qualcuno con un tono poco incisivo e senza guardarlo negli occhi, non è per niente efficace.

Per le mamme è fondamentale ricordarsi che i figli, e i bambini in generale, sono più focalizzati, anche se in modo inconsapevole, su quelle che sono le modalità comunicative del corpo, molto più delle parole! In pratica sono in grado di guardarci in faccia e sanno esattamente che cosa proviamo realmente! Loro stessi esprimono le emozioni attraverso il corpo.

Con il crescere purtroppo questa abilità diminuisce.

Per tutti coloro che hanno un ruolo importante nell’educazione dei bambini, è fondamentale, da una parte saper utilizzare il linguaggio del corpo, e dall’altra saperlo riconoscere in modo adeguato affinché i messaggi affettivi siano più efficaci e arrivino… al cuore.

Ricordiamoci insomma quanto sia efficace un sorriso ed un abbraccio. Evitiamo che la vita frenetica ci faccia dimenticare di elargirli!

News Reporter